25 i giovani arrivati dall'Ucraina e accolti a Montespertoli. Bambini e ragazzi di tutte le età che hanno dovuto lasciare la loro casa, i loro amici e la loro vita a causa di questa ingiusta guerra.

 

La stanchezza nei loro visi riesce a trasformarsi in speranza e in forza grazie anche all'accoglienza della comunità montespertolese.

 

"Abbiamo ritenuto fondamentale inserire i bambini e ragazzi il prima possibile a scuola per aiutarli così a sentirsi parte di una nuova comunità ritrovata" spiega l'Assessore all'Istruzione, Daniela Di Lorenzo e aggiunge "Ieri ho potuto assistere al momento all'accoglienza organizzato nelle nostre scuole, ed è stato un momento davvero emozionante dove i protagonisti erano i nostri figli e le nostre figlie che hanno saputo accogliere i loro nuovi amici con un entusiasmo contagioso"

 

Infatti, sono iniziati ieri gli inserimenti scolastici all'Istituto Comprensivo "Don Lorenzo Milani", ad una settimana soltanto dall'arrivo dei primi bambini sul territorio. Ad accoglierli grandi biglietti di benvenuto e un clima di festa.

 

"Le porte delle nostre classi si sono aperte per 11 studenti e studentesse di scuola primaria e secondaria di primo grado arrivati a Montespertoli giovedì scorso. L’accoglienza nelle nostre scuole è stata emozionante: gli alunni, come ha detto una maestra, avevano intonato un canto per i bambini dell’Ucraina molto prima di averli a scuola con loro e adesso erano arrivati! Lunedì saranno anche i piccolini della scuola d’infanzia ad essere accolti. Per tutti noi è una gioia poter dare il nostro piccolo contributo a far sentire “a casa” questi giovani amici che hanno dovuto lasciare la loro terra, gli amici e i padri e non sanno quando potranno trovare. Le amicizie che nasceranno nella “normalità” di andare a scuola tutte le mattine ci auguriamo possano almeno donare loro un po’ di serenità." aggiunge la Direttrice Scolastica, Margherita Carloni.

 

L'inserimento di tutti i ragazzi/e e bambini/e avverrà gradualmente nel rispetto dei tempi di ognuno e sarà garantita la gratuità sia per il servizio mensa sia per il servizio di trasporto.

 

Durante i primi giorni di frequenza la scuola potrà fare affidamento sul supporto di mediatori linguistici messi a disposizione dall’amministrazione Comunale in aiuto sia dei ragazzi sia degli insegnanti.

torna all'inizio del contenuto