Sarà gestito dal Centro Intercomunale di Protezione Civile con il supporto delle associazioni di volontariato
Prende il via una delle prime azioni di area a supporto delle popolazioni colpite dal conflitto fra Russia e Ucraina.

I sindaci dell’Unione dei comuni hanno deciso di istituire un primo centro di ascolto a cui possono rivolgersi i cittadini ucraini residenti nel territorio per chiedere informazioni, segnalare criticità, avere un primo contatto con le istituzioni, avviare eventuali raccolte fondi e di generi di prima necessità.

È già stato individuato anche un magazzino per stoccare i beni da inviare in Ucraina.

Sul territorio si stanno già attivando associazioni e anche singoli cittadini per raccolta fondi e di generi di prima necessità. Per questo la Protezione Civile dell’Unione dei Comuni mette a disposizione la propria struttura organizzativa, le associazioni di volontariato di protezione civile e uno spazio per raccogliere il materiale donato; è già stato concesso da un attività sul territorio l’uso di un magazzino in località il Terrafino che può essere utilizzato per stoccare i beni frutto di raccolte da inviare in Ucraina. L’organizzazione di questa attività sta prendendo piano piano forma e vi daremo presto ulteriori informazioni sulle tipologie dei beni da poter donare.


I contatti a cui rivolgersi sono i seguenti:

telefono: 0571 930889 - 0571 9803292 mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. Il Centro di ascolto è attivo dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30

L’attività viene svolta in collaborazione con le associazioni di volontariato del territorio per essere presenti a rotazione e garantire il servizio.

«Assieme agli altri sindaci dell’Empolese-Valdelsa ci siamo chiesti cosa poter fare per rispondere in maniera concreta a questa situazione e per dare un aiuto reale alle popolazioni colpite dal conflitto. Nel nostro territorio sono numerosi i cittadini provenienti dall’Ucraina e quindi abbiamo pensato in primo luogo di attivare un canale per sostenerli e dare loro risposte e poi di creare i presupposti per avviare e gestire al meglio la raccolta di beni di prima necessità. Il servizio sarà gestito dal Centro Intercomunale di Protezione di protezione civile, con il prezioso e indispensabile supporto delle associazioni di volontariato», afferma Paolo Masetti, Sindaco di Montelupo Fiorentino e delegato alla Protezione Civile, per l’Unione dei Comuni.

Per il presidente dell’Unione, Alessio Falorni: «La propensione alla cooperazione e alla solidarietà sono fortemente inscritte nei valori dell’Empolese-Valdelsa. I Comuni dell’Unione, il nostro intero sistema territoriale, lavorano insieme e coordinandosi per dare un aiuto concreto all’Ucraina, anche in supporto dei circa 300 residenti già presenti sul nostro territorio. Vorrei ringraziare a nome di tutti Gianpaolo Lastrucci, imprenditore empolese, per aver messo a disposizione un luogo importante al Terrafino per gestire questa logistica, altra dimostrazione di grande disponibilità e coesione di intenti».

Fonte: Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa

torna all'inizio del contenuto