Nel 2017 boom di turisti a Montespertoli: miglior dato dal 2013

Boom di presenze turistiche a Montespertoli per l’anno 2017. È quanto si evince dai dati sui flussi turistici pubblicati dalla Città Metropolitana di Firenze: un +12% di presenze che rappresenta il migliore incremento tra i comuni dell'area dell'Empolese Valdelsa. Numeri oltre ogni aspettativa, che superano anche il dato record registrato nel 2013.


Ma entriamo nel dettaglio: secondo il report dell'Ente provinciale, le presenze a Montespertoli sono passate dalle 140.694 del 2016 alle 157.800, con un aumento, appunto, del 12%. Si tratta, per la città che produce il maggior numero di bottiglie di vino Chianti, del dato più alto dal 2013 a oggi.


L'eccezionale aumento è dovuto all'incremento di presenze non solo dei turisti stranieri, che sono passati dai 112mila e rotti dell'anno precedente ai quasi 124mila nell'anno scorso, ma anche dei visitatori italiani, saliti dagli oltre 28mila del 2016 ai 34.200 del 2017.


Per quanto riguarda gli arrivi (vale a dire, le persone che hanno soggiornato a Montespertoli, indipendentemente dal numero di notti), l'incremento è stato del 16,9% rispetto al 2016, passando da 23.030 a 26.924. Il contributo maggiore viene sempre dall'estero: gli arrivi di stranieri, infatti, registrano un +3mila circa, da 15.543 a 18.469, mentre gli arrivi di italiani sono aumentati di circa mille unità, da 7.487 a 8.455.


“Il nostro Comune ha per primo imboccato la strada vincente dell'enogastronomia e della valorizzazione dei prodotti locali - commenta l’assessore alla Cultura e Turismo del Comune, Elena Ammirabile - Non possiamo che essere grati a Mauro Marconcini che è stato un vero e proprio precursore, senza però snaturare una realtà fatta di fatica e di quotidiana cura per il territorio, che interpella il turista contemporaneo alla continua ricerca di autenticità. Come autentica è la capacità delle nostre strutture ricettive di accogliere le persone e legarle, con cortesia e passione, alla nostra terra. Il merito di questo successo va principalmente a loro e alle aziende agricole che custodiscono il nostro territorio. Noi come Comune abbiamo creduto e supportato il progetto della gestione associata del turismo che ci ha permesso di iniziare un percorso di integrazione dell'offerta turistica (Toscana nel Cuore, MuDev) come area che senza dubbio ha inciso. Altro tassello fondamentale è stata la valorizzazione degli eventi estivi, non solo quelli del Comune ma il fiorire di iniziative delle associazioni locali, del centro commerciale naturale, che aggiungono significato all'esperienza del turista. Insomma, quest'anno ci sarà da lavorare per consolidare questo dato importante".