“MontespertiGust”, la rete d’imprese dell’APCT dà i suoi frutti

La rete d'imprese come chiave per garantire qualità del cibo e filiera corta, e affermare i prodotti tipici toscani nel mercato nazionale e internazionale. Lo ha compreso un folto gruppo di imprenditori agricoli di Montespertoli, che ormai da alcuni anni si sono riuniti sotto un solo marchio e che ora sono pronti a lanciare il progetto “MontespertiGust”.


Si tratta di una piattaforma ideata dai 24 aderenti all'Associazione Produttori Colline Toscane che coinvolge vari professionisti, agronomi, biologi, nutrizionisti, tutor in biodinamica, docenti in storia e cultura del cibo e del territorio, tutor in permacultura, veterinari, tutor in bioarchitettura ed energia rinnovabile, che si pone l'obiettivo di fare rete, rafforzare il concetto di territorialità e promuovere le eccellenze toscane.


Tutto questo attraverso un programma di iniziative di varia natura, da quelle didattiche coinvolgendo le scuole, a quelle convegnistiche ed enogastronomiche, dalle visite alle aziende ai corsi di cucina, fino allo sviluppo di percorsi per chi intende iniziare un'attività agricola, e avendo sempre come bussola valori quali il rispetto dell'ambiente, della genuinità dei prodotti e delle tradizioni. In programma anche eventi sul rapporto tra salute e qualità del cibo, grazie alla collaborazione della Slow Medicine.


Il progetto sarà presentato domenica 25 febbraio alle ore 11.30 presso l'azienda agricola Fuselli, in località Caccia Al Piano a Bolgheri, e martedì 27 febbraio alle 21.30 presso il centro per la cultura della vite e del vino “I Lecci”, in via Lucardese 74 a Montespertoli, dal presidente dell'APCT Diego Tomasulo: “La scelta di stare tutti insieme sotto un unico brand sta portando risultati, infatti siamo in continua crescita ed espansione - spiega - Il progetto MontespertiGust sta per decollare, è la prima volta che si crea una sorta di 'Polo del Gusto’ come questo ed è il segnale di come la rete di imprese possa rappresentare davvero un modello di riferimento per lo sviluppo del Made in Italy sui mercati internazionali. Grazie alle competenze e alle idee dei tanti professionisti che abbiamo coinvolto in questo percorso, con MontespertiGust le aziende potranno beneficiare dei valori di una nuova e sana economia basata sulla assoluta qualità delle nostre materie prime".


"La rete - prosegue Tomasulo - diventa quindi un valido strumento per aggregarsi e vedere con i propri occhi quello che di meraviglioso sta succedendo nel nostro territorio, oltre a poter godere di soluzioni e agevolazioni per presidiare il mercato estero: dalla tutela e salvaguardia dell’ambiente, della salute e del cibo, alla consulenza specifica relativa all’export, fino all’assistenza per la partecipazione a gare e manifestazioni internazionali. MontespertiGust è focalizzato in prima battuta sulla realtà Toscana, ma ha l’ambizione di avere prospettive molto più ampie, cercando in futuro di esportare la nostra esperienza anche in altre regioni italiane”.


Nel corso della presentazione del progetto, sarà annunciato il calendario degli eventi in programma per il 2018. Durante le iniziative strettamente gastronomiche sarà possibile assaggiare tutta la filiera dell'APCT, per dar modo di assaporare il territorio e la sua cultura, e trasmettere il vero sapore e la genuinità degli alimenti.