Le voci della comunità di Montespertoli per ricordare l’Olocausto

In tanti a Montespertoli hanno risposto all'appello dell'Amministrazione comunale e dell'associazione culturale Plantago fornendo il proprio contributo per la Giornata della Memoria del 27 gennaio scorso.

 


L'iniziativa “Le tue parole - Voci e modi di raccontare la Memoria”, durata tutto l'arco della giornata, ha visto infatti ragazzi delle scuole e adulti prendere autonomamente la parola in piazza del Popolo, dove era stato allestito un microfono aperto, per esprimere il proprio pensiero, raccontare un ricordo o citare scrittori e testimoni di quella triste e vergognosa pagina della storia dell'umanità che è stata l'Olocausto.


Voci che hanno voluto riaffermare la necessità di fare memoria su quell'orrore, di fronte al pericolo che, con il passare del tempo, l'oblio possa prendere il sopravvento. “E' stata un'esperienza interessante - commenta il sindaco di Montespertoli, Giulio Mangani - L'intento dell'iniziativa è stato quello di cercare di interrompere la normalità. Perché il problema della memoria, in particolare dell'Olocausto, è che ormai si dà per scontata, come se si perpetuasse da sola. Bisogna, invece, tener ferma l'attenzione e quindi rompere la quotidianità, affinché quanto successo non si ripeta”.


Share